La patologia delle prove INVALSI

Oggi c’è lo #sciopero generale della #Scuola contro le prove INVALSI. Sono i quiz che per legge stanno diventando IL metodo di valutazione non solo degli studenti, come era al principio, ma anche degli insegnanti e degli Istituti tutti. E sono un perfetto esempio del delirio razionalista denunciato da Noi siamo incalcolabili, delle vie per cui il fascino degli “innovatori” per il formalismo e l’automazione tende a diventare la nostra disumana regola di vita.

Qual è l’idea di “innovazione” delle prove INVALSI? Esternalizzare a un’apposita classe di intermediari la produzione di questionari a risposta multipla, sottoporli agli studenti, e ottenere così una loro valutazione numerica e “oggettiva”, neutrale rispetto a quella soggettiva dei loro insegnanti; infine, sommando le valutazioni degli studenti, dedurre la valutazione numerica “oggettiva” dell’insegnante.

Dunque, secondo questi cosiddetti innovatori, una lunga conoscenza personale tra studente e insegnante è viziata e ottusa perché contaminata di sentimenti e di memoria, invece che resa da questi più ricca e profonda. Dunque, secondo loro, un eventuale pregiudizio palese e contestabile in un rapporto studente-insegnante non è ammissibile, mentre un pregiudizio occultato nella redazione “neutrale” dei test o nella ancor più “neutrale” scatola nera e chiusa di un software proprietario va benissimo. Dunque, secondo loro due crocette sono sufficienti a valutare anni di studio. Dunque, secondo loro è OK rappresentare le persone con oggetti di un linguaggio di programmazione, le cui proprietà si esprimono in numeri: un salto di astrazione che le trasforma in fantocci intercambiabili senza identità e senza vita, cioè in oggetti.

Vale la pena di ricordare che vedere le persone come oggetti è il difetto degli psicopatici, ed è proprio ciò che consente loro di commettere violenze spaventose sugli altri perché quando vedi le persone come oggetti non ci sono remore di sorta. Ed è questa, proprio questa, la china su cui la nostra società quantificata è avviata. Quei quiz a risposta multipla sono l’espressione legale della psicopatologia di chi li ha inventati. E non sono affatto un buon metodo per valutare studenti e insegnanti: sono solo un metodo che li rende gestibili da una macchina, per giunta col massimo semplicismo. Il resto, cioè tutta l’informazione non numerica che trasmette senso a noi esseri umani, viene esclusa e sepolta solo perché non si è capaci di catturarla in una forma computabile. Di tutta la storia e la complessa personalità di un essere umano, dopo il filtro di quei questionari e quei numeri, non resta assolutamente nulla. E appena pensiamo che quei numeri condizionano il futuro di studenti e insegnanti, capiamo quanto il pericolo sia grave.

Naturalmente i sostenitori di questi metodi psicopatici non si rendono conto del loro difetto, e accusano gli obiettori di “non volere l’innovazione”, proprio come gli apparatchik accusavano i dissidenti di disfattismo contro il Partito e la Patria. Quello dell’innovazione è sempre un argomento ideologico, falso e ipocrita, perché la “innovazione” non è una cosa stabilita a priori né deve essere quello che dicono loro. L’innovazione è tutta da (ri)definire e dev’essere il frutto di scelte democratiche e informate. Per quanto mi riguarda l’innovazione è tutto il contrario di quello che credono i sostenitori delle prove INVALSI e i loro simili, che purtroppo sono tanti e potenti e vanno combattuti perché la società non prenda la loro forma menomata.

In questo documento dei COBAS c’è la migliore sintesi che ho trovato dei difetti delle prove INVALSI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *